Violenza sulle donne. Una panchina Rossa a Porto Cesareo (Le)

Sarà inaugurata sabato 30 novembre una panchina rossa posizionata sul piazzale della Pro Loco di Porto Cesareo e fortemente voluta da Arianna Greco, vicedirettore delle Biblioteca ALBERTI e già nominata "Cavaliere del Millennio per la Pace" dal Centro per la Pace di Assisi.

 

PORTO CESAREO (Lecce) - Sarà inaugurata sabato 30 novembre una panchina rossa posizionata sul piazzale della Pro Loco di Porto Cesareo e fortemente voluta da Arianna Greco, vicedirettore delle Biblioteca ALBERTI e già nominata "Cavaliere del Millennio per la Pace" dal Centro per la Pace di Assisi.

Il progetto ha trovato pieno appoggio e sostegno da parte dell'Amministrazione Comunale di Porto Cesareo che, insieme all'Artista, si è impegnata nella scelta di una panchina che fosse ben visibile per cittadini e turisti.

Per schierarsi dalla parte delle donne, contro la violenza che ancora si perpetra in tante forme fisica, verbale e psicologica insieme alla Biblioteca Comunale "A. Rizzello" si è programmata per sabato 30 Novembre alle ore 18.00 un evento di sensibilizzazione contro la violenza di genere.

La serata si aprirà con la performance teatrale dell'attrice Roberta Natalini.

Dopo i saluti istituzionali del sindaco Salvatore Albano, interverranno Giovanna Rosato, bibliotecaria e responsabile del Gruppo di lavoro AIB Biblioteche per Ragazzi e NPL ed Elisa Albano, psicologa per esporre sui risultati raggiunti nel progetto "Come in una favola" in collaborazione con l'Istituto Comprensivo di Porto Cesareo e in Centro Antiviolenza di Lecce.

Concluderà il focus Arianna Greco, portavoce del progetto di una panchina rossa a Porto Cesareo.

Seguirà inaugurazione della panchina rossa.

"Per non dimenticare - dichiara Arianna Greco - per avere sempre davanti agli occhi quel rosso brillante che possa sempre ricordare che il problema esiste e va condannato e affrontato. Tutti potranno leggere le frasi che ho deciso di apporre sulla panchina, ogni giorno, per sempre. Perché si possa ricordare che il 'no alla violenza' é sempre e non so il 25 novembre".