Torna la lectio magistralis del Treno della Memoria

Venerdì 15 novembre, alle ore 16.00, presso il Centro Congressi dell’Università del Salento, si terrà la lectio magistralis “Dall'antigiudaismo all'antisemitismo: persecuzione e sterminio degli ebrei” tenuta dal prof. Daniele De Luca, docente di Storia della relazioni politiche ed internazionali dell’ateneo salentino.

 

 

LECCE - Venerdì 15 novembre, alle ore 16.00, presso il Centro Congressi dell’Università del Salento, si terrà la lectio magistralis “Dall'antigiudaismo all'antisemitismo: persecuzione e sterminio degli ebrei” tenuta dal prof. Daniele De Luca, docente di Storia della relazioni politiche ed internazionali dell’ateneo salentino, nell’ambito del percorso di formazione promosso dalle associazioni “Treno della Memoria” e “Tdf Mediterranea”, dedicato ai partecipanti al progetto “Treno della memoria” ed aperto alla partecipazione della cittadinanza tutta.

L’appuntamento, ormai annuale, si inserisce in un momento politico-sociale caratterizzato da un numero sempre maggiore di episodi di intolleranza, antisemitismo e razzismo: dopo meno di un mese dalle dichiarazioni dell’ormai ex segretario cittadino della Lega, Riccardo Rodelli, in merito alla commissione Segre approvata in Senato e a pochi giorni di distanza dalle dichiarazioni del sindaco di Predappio, in merito ai viaggi della memoria, le associazioni promotrici e l’Università del Salento hanno deciso di ribadire con fermezza l’importanza della memoria della Shoah e dell’educazione alla cittadinanza attiva e ai valori democratici del nostro Paese.

All’appuntamento prenderanno parte i circa 700 giovani provenienti dalle province di Lecce, Brindisi e Taranto che hanno deciso di prendere parte al progetto Treno della Memoria, accompagnati dai loro docenti.

L’evento vedrà, inoltre, la presenza dell’assessore all’industria turistica e culturale della Regione Puglia, Loredana Capone, da sempre vicina al progetto e alle tematiche intorno alle quali il medesimo è stato costruito; Paolo Paticchio, presidente dell’Associazione Treno della memoria e Christel Antonazzo, presidente dell’associazione TdF- Mediterranea.