IL COMUNE DI NARDO' CONDANNATO PER CONDOTTA ANTISINDACALE

 Il Giudice del Lavoro del Tribunale di Lecce, Dott.ssa Luisa Santo, con sentenza n. 9490 del 18 c.m. ha dichiarato "l’antisindacalità della condotta tenuta dal Comune di Nardò, consistita nell’omessa informazione preventiva e nell’omesso confronto in materia di articolazione oraria dei turni di lavoro" della Polizia Locale.

 

LECCE - Il Giudice del Lavoro del Tribunale di Lecce, Dott.ssa Luisa Santo, sciogliendo la riserva di cui al verbale di udienza dell’11.09.2019, concernente il procedimento ex art. 28 dello Statuto dei Lavoratori, promosso dalle OO.SS., rappresentate e difese dall’avv. Fernando Caracuta, nei confronti del Comune di Nardò per i turni di lavoro notturni del personale della Polizia Locale, con sentenza n. 9490 del 18 c.m. ha dichiarato "l’antisindacalità della condotta tenuta dal Comune di Nardò, consistita nell’omessa informazione preventiva e nell’omesso confronto in materia di articolazione oraria dei turni di lavoro e ordina all’amministrazione convenuta la cessazione del comportamento illegittimo, la rimozione degli effetti."

L'avv. Caracuta, con riferimento all’udienza tenutasi in data 19 agosto, evidenziava che "anche alla luce della produzione in giudizio di ordini di servizio successivi alla proposizione del ricorso ...", il Comune di Nardò continuava "ad utilizzare personale della Polizia Locale in orari notturni, e comunque con una diversa articolazione dell’orario di lavoro, senza averne dato la necessaria informazione preventiva ai soggetti sindacali che ne hanno diritto, omettendo, inoltre, anche il dovuto e richiesto confronto con i soggetti sindacali stessi su materie di particolare rilevanza."

 

In allegato copia della Senteza del Giudice del Lavoro

Allegati:
Scarica questo file (Sentenza Giudice del Lavoro P.L. Nardò.pdf)Sentenza Giudice del Lavoro P.L. Nardò.pdf[ ]